Si diploma nel 1997 con il massimo dei voti e la lode sotto la guida di Cesare Salati presso il Conservatorio di musica Arrigo Boito di Parma.

 

Nel 2010 consegue il Diploma Accademico di II livello sotto la guida di Corrado Giuffredi con il massimo dei voti e la lode, con una tesi intitolata "Time and Motion Study I, ergonomia utopica" ed eseguendo brani per clarinetto e clarinetto basso solo, fra cui Time and Motion Study I di Brian Ferneyhough.

Nello stesso anno ottiene il terzo premio al concorso internazionale di esecuzione per clarinetto Valentino Bucchi.

 

Dopo il diploma, nel 1997, contribuisce a fondare il Trio Klee (violino, clarinetto e pianoforte), con il quale affronta i brani più significativi del repertorio del Novecento storico, ponendosi all'attenzione della critica e del pubblico in importanti concorsi nazionali e internazionali. Successivamente, al Trio si aggiungono flauto e violoncello e nasce il Farben Ensemble, che affronta il repertorio del Novecento e contemporaneo, ottenendo importanti riconoscimenti in concorsi e festival nazionali e internazionali, a Damasco, Graz, Salonicco, Genova e Anversa.

 

Dal 2006 è clarinettista del FontanaMIXensemble di Bologna, con il quale partecipa a importanti rassegne di musica contemporanea collaborando con compositori del panorama italiano e internazionale e con l'ensemble AccrocheNote di Strasburgo. 

Con l'Ensemble ha suonato presso il Teatro Comunale di Bologna, la Biennale di Venezia (2009 e 2016), il Teatro Politeama di Palermo, l'Auditorium Zo di Catania, la Hall des Chars e la Cité de la musique et de la danse di Strasburgo, il Teatro Massimo di Palermo nell'ambito del Festival Nuove Musiche 2014, la Sala Filarmonica di Rovereto e l'Auditorium Teatro Manzoni di Bologna.

 

Nel 2014 ha partecipato al 58. Festival Internazionale di Musica Contemporanea della Biennale di Venezia nell'ambito della prima esecuzione assoluta dell'opera da camera Katër i Radës (Il naufragio) di Admir Shkurtaj (libretto di Alessandro Leogrande e regia di Salvatore Tramacere) sotto la direzione di Pasquale Corrado e in collaborazione con i Cantieri Teatrali Koreja di Lecce.

L'opera è stata incisa a maggio 2015 per AnimaMundi ed eseguita in numerose occasioni fra cui il Book and Arts festival di Tirana, il Mess Festival di Sarajevo e l'Ulysses theatre Festival di Brioni, Croazia.

 

Ha collaborato inoltre con l'Ensemble Sentieri Selvaggi nell'ambito de "Il Sogno di una cosa" (Piccolo teatro Strehler, 2014), l'Arsenale Ensemble in occasione di Composit 2013 e del Don Quixote (Teatro Comunale Mario del Monaco di Treviso), con l'Ensemble Risognanze al Tiroler Festspiele di Erl e il Nextime Ensemble nell'ambito di Ravenna Festival 2013 (Omaggio a Berio).

 

Nel 2015 ha partecipato al 5th European Clarinet Festival, tenutosi a Gent, Belgio, suonando come solista il brano per clarinetto basso e live-electronics Sine tempore insulae di Nicola Evangelisti, nella Miry Hall del Royal Conservatory.

 

Nel 2016 dà vita, insieme al pianista Stefano Malferrari, al duo clarinetto e pianoforte con il quale partecipa alla rassegna Dialoghi tra  Musica, Immagini e Parole, proponendo brani del repertorio francese.

 

Ha partecipato in qualità di esecutore a workshop di musica contemporanea quali L'urlo della terra di Moa-project e Composit di Rieti (2013, 2014 e 2017).

 

Ha collaborato con diverse orchestre, fra cui l'Orchestra Sinfonica di Sanremo, l'Orchestra Regionale dell'Emilia Romagna "A. Toscanini", l'Orchestra del Teatro Regio di Parma, l'Orchestra dell'Opera di Parma e l'Orchestra dell'Opera Italiana, con le quali ha partecipato a produzioni quali Tosca, Falstaff, La forza del destino.

 

Dal 2009 al 2011 ha suonato nel musical La Bella e la Bestia, prodotto da Stage Entertainment, presso il Teatro Nazionale di Milano e il Teatro Brancaccio di Roma.

 

Da molti anni si dedica all'esecuzione e all'approfondimento della musica contemporanea.  

 

È specializzato in clarinetto basso e suona anche clarinetto piccolo e clarinetto contrabbasso.